Fatturazione elettronica: le ultime novità

amministratore Blog, Fatturazione elettronica

Gennaio 2019 è finalmente arrivato e da quasi un mese è attiva la fatturazione elettronica, il nuovo sistema digitale di emissione, trasmissione e conservazione delle fatture che elimina definitivamente il cartaceo e tutti i costi di stampa e spedizione.

Quasi ogni giorno veniamo a conoscenza di modifiche, proroghe e novità riguardo a questo nuovo mondo, di cui tutti sembrano essere spaventati.

La fattura elettronica, infatti, cambia completamente lo scenario a cui eravamo abituati.

Con il decreto legge del  23 ottobre 2018, n. 119, tuttavia, sono state introdotte importanti novità che vogliamo segnalarti:

  • La deducibilità dell’IVA non slitta di un mese (tranne che per il fine anno).

Come forse saprai, la precedente formulazione prevedeva la deducibilità dell’IVA nel mese in cui si riceveva la fattura: ad esempio, le fatture emesse il 31 gennaio (rispettando i cinque giorni di margine dell’Agenzia delle Entrate per recapitare le fatture) venivano così ricevute nel mese successivo e, di conseguenza, i clienti erano costretti a dedurre l’IVA a febbraio.

A seconda del settore e delle modalità operative dell’azienda, questa problematica poteva avere un impatto finanziario molto rilevante. La nuova normativa, invece, consente di detrarre l’IVA entro il 15 del mese successivo, eccetto che per il mese di dicembre, dove il problema purtroppo permane.

  • La fattura deve essere emessa entro 10 giorni dall’operazione.

La formulazione precedente prevedeva che la fattura dovesse essere emessa (cioè trasmessa allo SDI) nello stesso giorno dell’effettuazione dell’operazione: in molti casi, però, questo risultava difficile per motivi tecnici e quindi cʼera il rischio elevato di incorrere in sanzioni. Nella nuova formulazione, devono essere quindi annotate sulla fattura la data di trasmissione e la data di effettuazione dell’operazione.

  • La fattura deve essere registrata entro il giorno 15 del mese successivo all’effettuazione dell’operazione.

Dal punto di vista economico-finanziario non cambia nulla, ma l’operatività diventa più semplice.

  • Abolita la numerazione delle fatture di acquisto.

Le fatture di acquisto vanno registrate, ma non è più necessario numerarle. Il documento della fattura elettronica non è modificabile, di conseguenza sarebbe necessario sviluppare nel software una tabella che collegasse le fatture di acquisto al registro IVA e viceversa.

Questa soluzione era già stata approvata dall’Agenzia delle Entrate, ma l’eliminazione della numerazione evita la costruzione di queste tabelle che in aziende parzialmente automatizzate implicherebbero ulteriori attività manuali onerose.

  • Sanzioni abolite o ridotte.

Non sono soggette a sanzioni gli errori nell’emissione delle fatture elettroniche che portano all’emissione della fattura entro il termine previsto per la liquidazione. Se la fattura è emessa in tempo per la liquidazione del mese successivo le sanzioni sono ridotte delll’80%.

 

Se vuoi saperne di più, contattaci e ti daremo tutte le informazioni di cui hai bisogno: [email protected] 

Condividi: