« Tutti i contributi

Green New Deal: gli incentivi MISE a supporto della transizione ecologica e circolare

Data di scadenza adesioni: 17/10/2022

Categoria contributo: Finanziamenti agevolati

Il Ministero dello Sviluppo Economico (MISE), attraverso l’incentivo nominato “Green New Deal”, mette a disposizione nuove risorse per progetti di ricerca, sviluppo e innovazione green.

 

L’OBIETTIVO: supportare le imprese nel percorso di transizione ecologica e circolare

 

“Green New Deal” sostiene attività di:

  • ricerca industriale (per le realizzazione di nuovi prodotti, processi o servizi o per il miglioramento di quelli esistenti),
  • sviluppo sperimentale (per le realizzazione di nuovi prodotti, processi o servizi o per il miglioramento di quelli esistenti),
  • industrializzazione dei risultati della ricerca e sviluppo (solo per PMI e per progetti con elevato contenuto di innovazione e sostenibilità).

 

I progetti devono avere finalità coerenti e rientrare in uno dei seguenti ambiti di intervento del Green New Deal italiano:

  • decarbonizzazione dell’economia,
  • economia circolare,
  • riduzione dell’uso della plastica e sostituzione della plastica con materiali alternativi,
  • rigenerazione urbana,
  • turismo sostenibile,
  • adattamento e mitigazione dei rischi sul territorio derivanti dal cambiamento climatico.

 

Sono a disposizione fino a 750 milioni di euro

 


 

A CHI È DEDICATA L’AGEVOLAZIONE?

Possono presentare domanda tutte le imprese, indistintamente dalla dimensione, che operano nel settore dell’industria (attività industriali, agroindustriali, artigiane, di servizi all’industria, centri di ricerca).

Possono aderire aziende, sia in modalità singola, sia congiunta.

I progetti devono essere realizzati in una o più sedi dell’impresa, in Italia.

 


 

AGEVOLAZIONI

Gli importi complessivi messi a disposizione si distinguono tra finanziamenti agevolati (del Fondo rotativo per il sostegno alle imprese e gli investimenti in ricerca – FRI) e contributi e a seconda della modalità di accesso (procedura a sportello o negoziale).

 

Finanziamenti agevolati FRI:

  • 60% dei costi di progetto
  • 20% di finanziamenti bancari

600 milioni di euro complessivi a disposizione.

 

Contributi a fondo perduto:

  • del 15% per spese a sostegno delle attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale e per consulenza sulle attività di industrializzazione
  • del 10% per l’acquisizione delle immobilizzazioni destinate alle attività di industrializzazione.

150 milioni di euro complessivi a disposizione.

 

I valori indicati sono destinati al 50% a progetti con procedura a sportello e 50% a quelli con procedura negoziale.

Alla procedura a sportello si può accedere presentando programmi di importo dai 3 ai 10 milioni di euro. Per importi superiori serve accedere alla procedura negoziale.

Non sono ammessi progetti di spesa inferiori a 3 milioni o superiori a 40 milioni di euro.

 


 

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono distinte in base al tipo di progetto presentato.

Attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale.

Sono ammissibili le spese per:

  • il personale coinvolto (ad esclusione di personale amministrativo, contabile, commerciale),
  • strumenti e attrezzature utilizzate per il progetto (inclusi licenze, brevetti),
  • i materiali utilizzati per lo svolgimento del progetto e spese generali.

 

Attività di industrializzazione.

Sono ammissibili le spese per:

  • nuove immobilizzazioni materiali che riguardino macchinari, impianti e attrezzature (compresi programmi informatici, licenze),
  • l’acquisizione di immobilizzazioni immateriali (per brevetti, know-how, diritti di licenza,…),
  • servizi di consulenza.

 


 

COME POSSIAMO AIUTARTI?

Noi di GC&P offriamo completo supporto alle realtà che intendono beneficiare di questa opportunità, accompagnandole nel percorso di richiesta, presentazione del progetto e, grazie ai nostri esperti Lean&Green, nella realizzazione dell’intero progetto.

 

Contattaci per ricevere maggiori informazioni.

 

Share:

Richiedi informazioni per questo contributo