« Tutti i contributi

Rilancio economico delle Aree Sisma: nuovi contributi a disposizione per le PMI

Data di scadenza adesioni: 12/09/2022

Categoria contributo: Finanziamenti agevolati

Grazie a NextAppenino (programma finanziato dal Fondo Complementare al PNRR) sono a disposizione nuovi fondi per il rilancio economico e sociale delle regioni del Centro Italia colpite dai terremoti del 2009 e del 2016.

 

L’obiettivo è promuovere l’innovazione, aiutando le eccellenze del territorio, i servizi e l’occupazione di queste zone.

 

Invitalia è il soggetto gestore dell’azione “Macromisura B – Rilancio economico e sociale” del Piano nazionale per gli investimenti complementari (PNC) al PNRR.

 


 

AGEVOLAZIONI

Tra le misure previste riportiamo le 2 più interessanti per le PMI:

  • Avvio, crescita e rientro di microimprese  – B1.3a
  • Investimenti innovativi delle PMI  – B1.3b

 

Avvio, crescita e rientro di microimprese  – B1.3a

L’obiettivo della misura: sostenere la nascita, lo sviluppo e consolidamento della microimprenditorialità.

 

Sono disponibili:

  • tra i 40.000 e 250.000 euro per programmi di avvio di iniziative micro-imprenditoriali,
  • tra i 40.000 e 400.000 euro, per lo sviluppo di micro e piccole imprese esistenti alla data di presentazione della domanda.

Viene data priorità con valutazione a sportello alle imprese che hanno subito un danno da sisma.

 

Investimenti innovativi delle PMI  – B1.3b

L’obiettivo: sostenere interventi per l’innovazione diffusa, supportando il sistema produttivo del territorio.

 

Questa misura prevede 2 fasi:

 

Fase 1: Voucher Innovazione diffusa: permette di migliorare e potenziare la competitività, le capacità digitali e organizzative, e i processi d’innovazione tramite servizi di consulenza specialistica.

Sono ammissibili le spese di servizi di consulenza specialistica che prevedono la definizione di uno dei seguenti percorsi:

    • percorso personalizzato di sviluppo innovativo per migliorare la capacità competitiva dell’impresa (innovazioni di processo, di prodotto, innovazioni organizzative);
    • percorso di miglioramento delle capacità digitali dell’impresa, per progredire nella transizione digitale dei propri processi produttivi;
    • percorso di miglioramento delle condizioni di impatto ambientale dell’impresa, per progredire nella transizione ecologica dei propri processi produttivi.

È previsto un contributo a fondo perduto dell’80%, fino ad un massimo di:

    • 30.000 € per le microimprese,
    • 40.000 € per le piccole imprese
    • 50.000€ per le medie imprese

 

Fase 2: Sostegno ai progetti di innovazione: permette di rafforzare e rilanciare la competitività delle imprese attraverso la realizzazione di progetti di innovazione di processo, di prodotto o dell’organizzazione.

L’importo complessivo delle spese ammissibili è di minimo 250.000 €, a un massimo di 2,5 milioni di euro.

 

Viene data priorità con valutazione a sportello alle imprese che hanno subito un danno da sisma.

 


 

A CHI È DEDICATA L’AGEVOLAZIONE?

Possono presentare domanda tutte le imprese con sede in essere o divenire in uno dei territori presenti nell’elenco dei Comuni del cratere sismico del 2009 (Decreto del Commissario delegato n. 3 del 16 aprile 2009 e dal decreto n. 11 del 17 luglio 2009 del Commissario delegato).

 


 

COME POSSIAMO AIUTARTI?

Noi di GC&P offriamo completo supporto alle realtà che intendono beneficiare di questa opportunità, accompagnandole nel percorso di richiesta, presentazione del progetto e, grazie ai nostri esperti, nelle attività di miglioramento individuate.

 

Contattaci per ricevere maggiori informazioni.

 

Share:

Richiedi informazioni per questo contributo